A pregnancy story.

Se provate a chiedere a mia mamma di quando ero bambina, mi descriverà sicuramente con una sola parola: testarda. Erano molte le volte nelle quali mi doveva rincorrere con il piatto per farmi mangiare: in estate sotto al sole e in inverno in giardino anche con la neve. Ha fatto tutto ciò che si può fare per cercare di “corrompere” un infante, ma nulla. Non ne volevo sapere.

Col passare del tempo sono cresciuta ed ho imparato che se c’è una persona contro la quale vale la pena essere testardi è il proprio io interiore, quello che ti fa gettare la spugna al primo fallimento.

Per molti mesi io e mio marito abbiamo provato ad avere figli, sembrava quasi che la natura ce l’avesse con noi e ormai avevamo anche quasi perso le speranze. Qui non è questione di essere testardi e di provare e riprovare. Qui è questione di chi lo sa?  La magia del concepimento è un mistero che rimane tuttora ignoto al Mondo intero, ma quando meno ce lo siamo aspettati si è aperto un nuovo meraviglioso capitolo della nostra vita.

Per tutta la fase del primo trimestre ho mantenuto il segreto, rinchiudendomi in una “bolla” che circondava me e i soli famigliari stretti. Poi, due settimane fa, abbiamo invitato a casa un amico per cucinare tutti assieme la naked cake di Bake Off e la mia pancia era talmente sfericamente visibile che alla prima domanda ho dovuto vuotare il sacco. Ho dato così il via libera alla divulgazione della notizia “Che si sparga la voce in modo tattico: le nonne per prime!” al resto ci hanno pensato loro.

Dunque è questa la bella notizia, il perché sono stata lontana dal blog e da quasi la maggior parte degli altri miei social: ero nella mia piccola bolla, come un’astronauta. Ho deciso, grazie alle mail e ai commenti che mi sono arrivati, che continuerò a scrivere su questo blog perché mi avete fatto capire che l’amicizia, anche se virtuale, vale molto. Continuerò a condividere ricette e aggiungerò la sezione “mommy – diary” per raccontare le mie esperienze, perché ogni giorno è un giorno nuovo e si vivono sempre cose belle le quali vale la pena raccontare.

Annunci

19 thoughts on “A pregnancy story.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...